Spring Project

Spring Project

Logo Springs
titolo_dx

  • ITA_Partner
  • ITA_Abstract
  • ITA_Attivita'
  • ITA_Risultati
  • ITA_Deliverables

Project Abstract

 

 
Data l’urgenza di ridurre i reati legati alla  droga, riconosciuta anche a livello europeo, SPRING si prefigge di contribuire alla prevenzione degli stessi, al fine di garantire la sicurezza e l'ordine pubblico, e di ridurne il costo sociale. In particolare, le azioni di SPRING contribuiranno a:
• combattere la recidività dei reati commessi da tossicodipendenti in contesti urbani e in età giovanile;
• ridurre il numero di nuovi potenziali tossicodipendenti e di conseguenza il numero dei potenziali trasgressori della legge legati alle sostanze stupefacenti;
• identificare e promuovere lo scambio delle migliori pratiche in materia di misure e programmi di trattamento alternativi alla detenzione (con particolare attenzione alla musicoterapia) e di campagne di prevenzione della droga;
• promuovere la comprensione delle politiche dell'UE in questo settore, tra le autorità locali e le ONG.

Per il raggiungimento di questi obiettivi, SPRING realizzerà in prima istanza attività di analisi e ricerca che permetteranno di identificare le migliori pratiche. Successivamente, i risultati delle attività di ricerca verranno applicati attraverso un'azione pilota, che permetterà di sperimentare le migliori pratiche individuate per l'uso della musicoterapia, ed una campagna europea di prevenzione per informare e sensibilizzare i giovani sui rischi della droga. Inoltre, per promuovere la conoscenza delle politiche dell'Unione Europea sulla prevenzione dei reati legati alla droga, SPRING organizzerà un workshop con la partecipazione di autorità nazionali e ONG. Le attività di disseminazione dei risultati avranno un ruolo chiave per estendere l’impatto del progetto a livello nazionale ed europeo. Le attività di SPRING verranno realizzate in tutti i paesi partecipanti - Italia, Cipro e Bulgaria – ed avranno una durata complessiva di 36 mesi.

SPRING coinvolgerà direttamente i giovani, in una fascia d’età compresa tra i 15 e i 24 anni,  che hanno commesso dei reati legati alla droga e che sono oggetto di misure e/o programmi di trattamento alternativi alla detenzione. Verranno coinvolti anche: i giovani che vivono in contesti urbani, in quanto potenziali consumatori di sostanze stupefacenti; le autorità nazionali e le ONG che interagiscono in forma diretta con questa tipologia di giovani trasgressori.

Il progetto intende contribuire allo sviluppo delle politiche comunitarie relative alla prevenzione dei reati legati alla droga e all’individuazione e lo scambio delle migliori pratiche tra gli Stati Membri. In particolare, i principali risultati attesi sono: l’attivazione di un sito web dedicato al progetto; la pubblicazione di un manuale sulle migliori pratiche e di una relazione sull’azione pilota; il materiale della campagna europea di prevenzione; l’organizzazione di un workshop e di due meeting di progetto; il coordinamento del progetto; la valutazione del progetto attraverso conferenze Skype con i partner e l’edizione di tutte le relazioni finali previste dal contratto con la Commissione Europea (report tecnici, finanziari, di valutazione, dei Meeting e delle azioni del progetto). Tutti i risultati saranno strutturati in modo da essere sostenibili anche alla fine del finanziamento europeo
.







 

With the financial support from the Prevention of and Fight against Crime Programme of the European Union European Commission - Directorate - General Home Affairs. This publication reflects the views only of the author, and the European Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.